Monelli di carta

€10,50 €21,00

Stato: Disponibile

Autrice :
Edizione :
Qtà:

    share :
Monelli di carta
Da Collodi a Pistelli: genesi e sviluppo di un paradigma educativo

Con Collodi irrompe nella letteratura italiana per l’infanzia un nuovo personaggio: Pinocchio, un monello guastafeste e birichino, che poco ha a che vedere con i bambini che popolavano i libri ottocenteschi per fanciulli. A questo fanciullo irriverente, destinato a morire impiccato alla Quercia grande per aver ceduto alle lusinghe del Gatto e della Volpe, viene invece data una seconda chance.
È questa una novità assoluta, che scardina la stereotipata opposizione tra bambino buono e bambino cattivo, introducendo la possibilità che anche i monelli abbiano un cuore buono, pur sbagliando e fallendo. Ma, allora, che cosa permette il loro cambiamento? Come possono trasformarsi in ragazzini perbene? Sono queste le domande che si pone il volume, attraverso una rassegna di sei autori (Collodi, Cioci, Yambo, Momus, Vamba e Pistelli) – e dei loro relativi personaggi – che coprono un arco temporale che si estende dagli anni Ottanta dell’Ottocento fino alle soglie del primo conflitto mondiale. Le risposte avranno esiti differenti: mentre i giovani protagonisti mutano e diventano sempre più simili a bambini reali, al contempo si assiste al crollo del sistema educativo ottocentesco, imperniato su valori e pratiche ritenute inefficaci. Ad essere messa in discussione, dunque, non è solo l’immagine dell’infanzia, ma anche le principali istituzioni educative coeve: famiglia, scuola e lavoro.


Benedetta Quadrio ha conseguito il Dottorato di ricerca in Scienze Psicologiche, Antropologiche e dell’Educazione nel 2014, presso l’Università degli Studi di Torino.


Editore: Edizioni Junior
Collana: Storia/storie dell'educazione
Isbn: 9788884348005

Formato: 17 x 24
Pagine: 214